Benvenuti

UN LIBRO è UN'INSIEME DI EMOZIONI FATTE DI CARTA E INCHIOSTRO!!!
Se anche voi amate leggere, seguite il mio blog, lasciatemi i vostri commenti e le vostre impressioni, consigliate i vostri libri preferiti, discutiamone insieme, e creiamo insieme una comunita fatta di gente che ha fatto della lettura la sua passione.

venerdì 25 aprile 2014

HUNGER GAMES


"IL MONDO STARA' A GUARDARE"

Dalla penna della scrittrice statunitense Suzanne Collins, autrice anche della saga "Gregor", ecco nascere un capolavoro del romanzo Distopico.
Primo capitolo di una trilogia, e seguito dalla "Ragazza di fuoco" e dal "Canto della rivolta", Hunger Games è una rivisitazione futura e cruenta di un Reality Show, un "gioco" nel quale 24 ragazzi, che qui si trasformano in tributi, e che si sfidano in una lotta all'ultimo sangue, nella quale soltanto uno resterà vivo....e mentre tutto questo accade, tutti gli altri restano a guardare incollati allo schermo.....

Siamo in un'America post-apocalittica, ora chiamata Panem....la gente vive divisa in 12 distretti, che un tempo erano 13, ma dopo una rivolta, il tredicesimo è stato raso al suolo. Ogni distretto si occupa di un tipo di mestiere: agricoltura, miniera, pesca,..... Dopo la grande rivolta,è stato decretato che, per impedire ulteriori ribellioni, ogni anno ogni distretto deve dare in sacrificio un ragazzo e una ragazza tra 12 e 18 anni, che dopo qualche giorno di addestramento, verranno riuniti tutti insieme in un'arena dove si sfideranno in un gioco mortale, un gioco di lotta e sopravvivenza, mentre la città di Capitol City, dove vivono i ricchi, starà a guardare e a fare il tifo, e i vari distretti assisteranno attraverso gli schermi alla morte dei loro ragazzi.
Katniss e una ragazza di 16 anni, proviene dal dodicesimo distretto, quello del carbone...il padre è morto e lei vive con la madre e la sorellina Prim. E' lei a procurare cibo e beni di prima necessità: il distretto 12 è molto povero, così Katniss è costretta ad uscire di soppiatto dai recinti e inoltrarsi nei boschi per cacciare, e con una parte delle prede, acquistare i vari beni che possono servire per tirare avanti. 
Anche quest'anno è il giorno della mietitura, il giorno in cui verranno scelti i 24 tributi, i partecipanti agli Hunger Games. Il sorteggio avviene nella pubblica piazza, dove tutti si radunano vestiti con gli abiti della festa, mentre una bizzarra donna vestita e truccata con colori sgargianti estrae i due nomi da due ampolle di vetro. La scelta ricade su Prim, la sorellina di Katniss, che è alla sua prima mietitura....ma Katniss non può permettere che gli Hunger Games si portino via sa sorella...così si offre volontaria, salvandola, almeno per questa volta, da un destino atroce. Lei e l'altro prescelto del distretto 12, Peeta, vengono condotti a Capitol City, dove vengono imbellettati, calzati e vestiti a pennello da personali e abili stilisti: un modo per tentare di resistere ai giochi è guadagnarsi degli sponsor, e per farlo bisogna fare colpo, conquistarli...questi potranno procurare loro, una volta nell'arena, acqua, coltelli, fiammiferi, ogni cosa che per loro potrà fare la differenza tra la via e la morte: verranno fatti sfilare davanti al pubblico della città, parteciperanno a delle interviste e si alleneranno duramente alla lotta e alle tecniche di sopravvivenza.
Katniss riuscirà a conquistare il cuore di tutti, grazie anche a Cinna, il suo stilista, che ha preparato per lei un abito straordinario per il debutto: Katniss risplenderà come il fuoco...letteralmente.
Ma i giochi hanno inizio....i tributi vengono catapultati nell'arena, e comincia il conto alla rovescia.....3, 2, 1, via! Da questo momento la sfida comincia, le telecamere riprendono tutto , tutti sono incollati allo schermo....a Katniss e Peeta non resterà altro da fare che lottare, lottare per sopravvivere e tornare a casa....e a volte l'unione fa la forza, ma anche il coraggio può fare la differenza....

Un bellissimo libro, una storia originale, e soprattutto una storia che fa pensare: i reality show sono ormai una realtà sempre presente nella nostra quotidianità, la tv ne trasmette a bizzeffe, e la maggiorparte della gente sta incollata li davanti a guardare queste persone tutte riunite insieme in un'"arena", che può essere un'isola, una casa, una fattoria, .... quasi 24 ora su 24 stiamo a guardare queste persone riprese dalle telecamere, e ci facciamo prendere da quello che succede....non per niente i reality registrano quasi sempre odience da record.
Il messaggio che colgo nel libro della collins, è che la nostra mente tende ad essere risucchiata da questi programmi, e quello che noi facciamo è quasi assurdo e talvolta ossessivo, stare davanti a uno schermo a guardare degli sconosciuti mente fanno "niente" davanti agli obbiettivi, e a farci delle domando su cosa potrebbe accadere.....non siamo diversi dalla gente di Capitol City, che osserva i 24 ragazzi rinchiusi nell'arena che lottano per sopravvivere, come se fossere dei giocattoli programmati per massacrarsi, e gioisce e gode davanti a quelle immagini....ma se non stiamo attenti, le cose potrebbero sfuggirci di mano, e tra qualche anno potremmo ritrovarci a guardare qualcosa del genere senza nemmeno rendercene conto.
Consigliata la lettura di questa bellissima e intensa storia 
Buona Lettura!!!